“Come cambiare il tuo atteggiamento nei confronti del denaro?»

Potrei vestirmi bene e comprare cosmetici costosi, ma mi dispiace spendere soldi. Mi sento calmo quando li ho, menti. Come cambiare il tuo atteggiamento nei confronti del denaro?

Natalia, 24 anni

Il tuo modo di gestire il denaro è in qualche modo connesso all’infanzia, quando la risposta a tutto era «niente soldi», il che non significava «affatto»-non c’è nessuno che vuoi. No per te. Ora noti le discrepanze di questo scenario

https://www.karakachandog.com/perche-gli-uomini-odiano-davvero-lo-shopping/

con la realtà: ti neghi cose buone e intrattenimento, ma spendi per le sciocchezze, potresti guadagnare di più, ma non aumentare il tuo reddito. Come se stessi cercando di mantenere lo script precedente.

Eppure, di sicuro, fai molte cose come se fosse consuetudine in famiglia. Pensa a ciò che hai deviato con successo da un determinato programma. Puoi provare a costruire nuove relazioni (più realistiche) con denaro per analogia con quelle aree della vita in cui non ti comporti come la madre dei tuoi tempi d’infanzia. Penserei a ciò che sei pronto a assomigliare: un «remake» insignificante delle abitudini finanziarie della famiglia può essere un modo per rimanere un figlio o una figlia di questa famiglia, in un certo senso, non cambiarla.

Altri due suggerimenti importanti: sarebbe bello affrontare i bisogni e i desideri (cosa e quanto hai bisogno e desideri) e creare il tuo sistema di contabilità. Non ti è stato insegnato a scegliere, determinare nel mondo degli utili e delle spese: dovrai studiare. Fino a quando non si forma (almeno sotto forma di un esperimento, per un inizio per un mese) un nuovo modo di contare, ridistribuire, risparmiare denaro – non scenderai dalla vecchia sceneggiatura.

A volte è difficile decidere senza l’abitudine di cosa permettersi e cosa può aspettare. Ed è stato allora che si è presa una decisione inconscia per non avere «soldi extra», perché da loro un’ansia e la paura fanno di nuovo un errore. Questa trappola può essere aggirata dal grano dal grano e sviluppando nuove abitudini e abilità.