Perché i migranti ci infastidiscono?

Rispettiamo la cultura di qualcun altro con rispetto e interesse, condanniamo i skinhead e il nazionalismo ci provoca rifiuto. Tuttavia, acquistando prodotti sul mercato o fermando un taxi per strada, preferiamo trattare con i nostri connazionali che con i visitatori. Qual è la ragione della nostra antipatia per loro, qual è il suo vero background e se è possibile superare la sua irritazione? Rispondi a queste domande che abbiamo posto gli psicologi.

«Stiamo cercando il colpevole dei nostri problemi e abbiamo paura della concorrenza»

Galina Soldatova, professore presso il Dipartimento di Personalità della Personalità della Mosca State University. M.IN. Lomonosov

Il 10-15% dei migranti è la barriera critica che in qualsiasi comunità di persone (se i residenti della stessa casa o dipendenti di una società) comportano inevitabilmente stress e conflitti. Una persona più spesso incontra uno sconosciuto: tradizioni incomprensibili e discorso sconosciuto violano il solito ordine delle cose;Sentiamo la minaccia della nostra identità, la necessità di cambiare qualcosa in noi stessi e nella nostra vita, e questo provoca irritazione. Inoltre, i migranti hanno fretta di vivere: trovare un lavoro, acquistare un appartamento;Sono pronti a lavorare per una tassa inferiore, sono attivi e imprenditoriali. Pensiamo che siano arrivati ​​per un po ‘, per allenarsi, e sono venuti a vivere.

«La paura degli altri provoca aggressività»

Konstantinov Vsesolod Valentinovich, capo del PSU di «Psicologia generale» del Dipartimento

Molti russi vivono con un senso di insoddisfazione per le loro vite, provano disagio e costante ansia. Ma una persona non può vivere in costante paura e lo proietta su altre persone. Principalmente su gruppi socialmente vulnerabili, compresi i visitatori. L’irritazione ci consente di far fronte alle nostre paure. Lo stesso processo proviene dai migranti. La vita in un nuovo posto, le reazioni delle persone intorno sono spaventate e spinte per preservare le loro tradizioni, la loro identità. Questo è il motivo per cui i migranti si sono sistemati in modo compatto, conservano la loro lingua, sostengono le tradizioni che la popolazione indigena percepisce come una minaccia. Si scopre che un circolo vizioso: siamo infastiditi da loro e sono su di noi. Tolleranza e giudizio cambiano la situazione: ci consentono di rimanere noi stessi e riconoscere il diritto

Accompagnamento del suono. Prova a gemere senza trattenere. viagra generico prezzo piu basso ciò che è collegato con i suoni non ha irrecipizi gli uomini. Allora perché le donne non lo usano!

di essere diversi per i migranti.